La meraviglia che resiste alla censura

1369979805-fe5458151e934f90c8a8a820da8067dd

Segui Buulb su Facebook e su Twitter!

LEGGI QUI la nostra intervista alla fotografa Anastasia Chernyavsky, che ci racconta i retroscena dello scatto censurato da Facebook. 

Nel giro di poche ore lo splendido autoscatto di Anastasia Chernyavsky ha fatto il giro del web come “la foto censurata da Facebook” – guadagnandosi, come spesso accade nel mondo dell’arte quando si ha a che fare con qualcosa che viene considerato “scabroso” una grande fama in pochissimo tempo. Tutti noi sappiamo che la censura è un controllo che viene applicato da un’autorità che opera da filtro e sceglie al posto nostro cosa possiamo o non possiamo vedere, leggere, ascoltare e capire.

A prescindere dal fatto che sarebbe in questo caso assai interessante riflettere su “chi” sia questa autorità che si esercita attraverso le maglie del più controverso dei mondi attuali, cioè quello dei social network, una domanda sorge spontanea: che bisogno c’era di censurare lo splendore emanato da questa foto? C’è chi ha opposto resistenza alla sua pubblicazione affermando che i corpi nudi di due bambini e di una donna non sono qualcosa che tutti desiderano vedere e che d’altra parte possono andare a risvegliare forme latenti di pedofilia in alcuni individui. Ma davvero vogliamo crederci? C’è chi ha detto che il luogo adatto ad uno scatto di questo genere sarebbe lo spazio chiuso di una galleria d’arte – dove si paga un biglietto per scegliere consapevolmente di vederlo – e non invece lo spazio aperto del web.

Ad una mostra si, sul web no perché qualcuno potrebbe “inciamparvi” casualmente e la sua sensibilità potrebbe esserne irrimediabilmente urtata. Una foto troppo forte da essere digerita: ecco dunque la diagnosi definitiva, davanti alla quale abbiamo il sacrosanto diritto di sentirci disorientati. Disorientati, sì, perché siamo costantemente bombardati – anche e soprattutto nel regno di Zuckeberg – da immagini di corpi nudi o seminudi in pose che sono oggettivamente (e lo dico senza moralismi) volgari: la famosa “farfallina” di Belen, i seni di Sara Tommasi, e potremmo aggiungerne ancora una infinità.

Nessuno ci chiede se vogliamo o non vogliamo vedere queste immagini; le guardiamo e basta, ci capitano addosso e ormai ci siamo così tanto abituati a questi corpi in posa, a questi corpi artificiali che non siamo più in grado di considerare la bellezza e la potenza della cosa più naturale che esista: di un corpo naturalmente nudo di una madre con il seno sporco di latte e i suoi due bambini che la abbracciano. Ma per fortuna una delle mille facce del web è l’incontrollabilità di uno spazio infinitamente aperto che permette alla meraviglia e allo splendore di trovare  sempre nuove strade per resistere alla censura.

Arianna Marchente

87 risposte a “La meraviglia che resiste alla censura

  1. chi se ne frega, non vedo da dove “emani” tanta bellezza in questo scatto “artistico” così umano e mediocremente sentimentale… dal mio punto di vista non vale molto di più di una qualsiasi immagine di “pregnant” a sfondo erotico. guardate sul web, ne trovate una marea, donnacce

    • Dovresti farti curare…. Disintossicarti, in modo da poter tornare a distinguere tra te e l’immagine che riflette il tuo specchio

    • Se riesci a vedere pornografia e volgarità in questa foto vuol dire che tu sei una persona veramente sporca dentro. Anche tua madre era una donnaccia allora. Se il corpo nudo ti fa pensare solo al porno, al sesso e a cose volgari il problema ce l hai tu in testa.

    • Very nice post. I just stumbled upon your webolg and wanted to say that I’ve truly enjoyed browsing your blog posts. In any case I’ll be subscribing to your feed and I hope you write again very soon!

  2. come immagine-ricordo personale è veramente bella. non comprendo l’esigenza di pubblicarla sul web.

  3. Pingback: La meraviglia che resiste alla censura | Mondo Nudo·

  4. Ciò che non spinge sul mercato dev’essere censurato. Nessuno può oltraggiare il dio denaro! Il nudismo e il naturismo non fanno girare molti soldi (se si escludono piccole e rare aree private a pagamento), quindi bisogna vietarlo. E anche le immagini di nudo innocente, vanno vietate, perchè finiscono col diminure l’impatto emotivo (e quindi commerciale) delle foto di nudo provocante. È questa la filosofia dominante, a cui Fscebook riese ad adeguarsi benissimo!

  5. Scusate, ma non capisco l’inserimento di alcune repliche in inglese in un articolo in italiano. Tra l’altro un inglese incomprensibile e pieno di errori, tanto che neanche Google Translate riesce a tradurre. Comunque da quel poco che sono riuscito a capire, mi pare che parla di cose che non c’entrano niente con l’argomento trattato. Chiedo quindi al moderatore di eliminare i commenti che non c’entrano con la discussione (ne rendono troppa complicata la lettura), e quelli scritti non in italiano (escludono dalla discussione chi non conosce altre lingue). Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...